Arte e Vino dalle Sorelle Conti di Manuela Reggioni

http://ombradelciliegio.blogspot.it/2014/11/arte-e-vino-dalle-sorelle-conti.html

 

Domenica 16 novembre, le sorelle Conti hanno presentato l'annata Boca 2009, in occasione della inaugurazione della mostra collettiva "Alberi III ", organizzata in collaborazione con l'Associazione Arti Visive Granerolo.
Abbiamo partecipato a questo evento, che si è svolto presso le Cantine del Castello Conti a Maggiora ed è stato un bellissimo pomeriggio.
Paola ci ha accolti all'ingresso con il suo sorriso e la sua gentilezza, e abbiamo conosciuto la sorella Elena.

La mostra, incentrata sul tema dell’albero e, più in generale, del rapporto uomo-natura, è stata introdotta da Giovanni Crippa, scultore che gestisce una galleria ad Omegna, e poi ognuno degli artisti ha presentato in poche parole i propri lavori esposti: Rita Baruffali, Giugi Bassani, Renato Luparia, Gregorio Piazza, Nadia Presotto, Ubaldo Rodari, Pina Inferrera, Oreste Sabadin, Carla Veronese e Arianna Fugazza.
L'esposizione comprende anche, su gentile concessione degli eredi, opere di Carlo Casanova e Mauro Maulini.

 

Paola ed Elena ci hanno raccontato di quanto l'andamento metereologico delle stagioni riesca ad influenzare le diverse annate e, di conseguenza, l'andamento dell'azienda ma anche il loro essere, la loro visione del futuro e i loro progetti. A volte lo sconforto è tanto ma l'amore e la passione per i loro vigneti sono riusciti finora a far superare qualsiasi ostacolo.

Durante l’inaugurazione Oreste Sabadin, artista attivo in diverse discipline e musicista, ci ha letto il racconto L'Albero di  Shel Silverstein e un brano di Le città invisibili di Italo Calvino e poi ci ha presentato un brano con il suo clarinetto.

 

Abbiamo potuto ammirare le opere esposte nella grande sala dedicata alle degustazioni dei vini Conti, in mezzo alla quale è stato allestito un originale albero di Natale con rami di callicarpa, curato da Giovanni Crippa.

 

Nella saletta rossa, l'installazione di Oreste Sabadin "Di che ramo sei" ci ha coinvolti in prima persona: l'artista, infatti, ha voluto che i partecipanti interagissero per creare l'opera finale che sarà costituita anche dalle parole scritte di chiunque vorrà sedersi per qualche minuto a raccontare che tipo di ramo pensa di sentirsi. Eccomi qui ritratta mentre scrivo il mio contributo:

 

Le opere esposte sono realizzate con svariate tecniche: sculture in gres e in legno, dipinti su carta da pacco o in tecnica mista, fotografie, xilografie.
Qui sotto alcune delle mie preferite.

 

Grazie a Paola e ad Elena per questa bella iniziativa!.

Orari di visita: da lunedì a sabato dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, la domenica su appuntamento allo 0322.87187

torna agli eventi
avanti
indietro