colline novaresi, nebbiolo 2010, Conti

http://www.gliamicidelbar.blogspot.it/2013/10/colline-novaresi-nebbiolo-2010-conti.html

 

Il Nebbiolo dicono gli ampelografi sarebbe nato in Valtellina o giù di li, poi si sarebbe diffuso in Piemonte a cominciare dal nord poi sempre più giu.

Si trovava anche in Monferrato ora non più.

I nebbioli del nord Piemonte mi affascinano, forse perché sono rari e io ho derive snob ma non solo, mi piace che la loro durezza sia non tutta nei tannini urticanti ma ben distribuita fra acidità viva e tannino.

Poi sono diafani, scarichi, esangui (di solito) molto nobili già nell’aspetto.

Non innalzano colori e concentrazioni muscolari.

Sono vini che li apri, li finisci e poi dopo un po’ dici buono!

Hanno una beva decisamente più semplice, friendly, gastronomica dei fratelli del sud.

Semplice però non vuol dire banale, i profumi sono confidenziali, appassiti, timorosi, rugginosi in sospensione nel liquido vivo e stupendamente acidulo.

Questa versione delle sorelle Conti è così ritroso ma gioviale, compulsivo come le produttrici.

E il territorio malgrado una certa marginalità mediatica è evidentemente vocato a produrre nebbiolo, da valutare e bere a secchi.

Kempè

 

Luigi

torna agli eventi
avanti
indietro