Aperitivo con l'autore: Renato de Rosa e "La variante del pollo"

 

Sabato 6 aprile, alle ore 17.00 c/o le nostre Cantine,  Renato de Rosa presenterà  "LA VARIANTE DEL POLLO" (come fare bella figura senza aver mai letto un libro). Al termine seguirà un aperitivo con i nostri vini.

Perché il pollo ha attraversato la strada?
Quante volte ci siamo posti questa domanda e mai nessuno che abbia trovato la risposta.
Adesso però la risposta c’è e l’ha scovata Renato de Rosa, toscano, matematico ed esperto di giochi, con il suo nuovo libro: "La variante del pollo" (come fare bella figura senza avere mai letto un libro), di recente edito da Mursia.
Si tratta di una raccolta umoristica di 32 racconti scritti imitando lo stile dei maggiori scrittori italiani contemporanei, da Baricco a Camilleri, da Moccia a Volo. Tutti i racconti sono ispirati appunto dalla medesima tematica: l’attraversamento della strada da parte del pollo.
Non ci va giù tenero de Rosa, perché le parodie sono delle affettuose prese in giro, talmente raffinate che nessuno degli scrittori coinvolti potrà lamentarsene: gli unici a lagnarsi potrebbero essere gli esclusi dal gioco, forse.
Per ogni autore, de Rosa inizia con una sintesi critica di quattro righe, una caustica presentazione dell’autore parodiato, ad esempio: “Claudio Magris è considerato dai critici il più grande scrittore italiano contemporaneo. Si è parlato spesso di lui come candifato al Nobel.  Di questo passo qualcuno leggerà i suoi libri” oppure “Melissa Panarello, avendo pubblicato dei libri, può tecnicamente essere definita scrittrice. Ha descritto i turbamenti erotici delle adolescenti, provocando in loro anche dei turbamenti linguistici.”  e anche “Fabio Volo è scrittore, attore e conduttore radiotelevisivo. Nelle sue opere racconta storie di tutti i giorni, vivendole come le vivrebbero i suoi lettori, provando emozioni come le proverebbero i suoi lettori e scrivendole come le scriverebbero i suoi lettori, cioè male.”


Alla introduzione segue il racconto, dove le atmosfere letterarie trasferite nella realtà dei pollai,  tra improbabili capponi, saggi tacchini e svenevoli pollastre, assumono toni grotteschi di un umorismo irresistibile, dalle profonde ovvietà di Alberoni: “Il pollo decide di attravresare quando qualcosa lo spinge a compiere quell’atto”, ai gialli di Faletti “Il buio e il pollaio hanno lo stesso colore”  alle denunce sociali di Tabucchi “Sostiene il pollo di avere preso la propria decisione in un giorno d’estate.”

Come spesso accade nell’umorismo, questo è un libro serissimo, una sottile metafora sul conformismo d’ogni colore e fede e ideologia, un invito al pensiero libero e creativo. Perché infine, come avverte de Rosa sulla sua ultima, fatal riga, «pollo è chi il pollo fa».
Si tratta quindi di un delizioso divertissement, di un piccolo libro di culto che non potrà mancare nella biblioteca di quanti amano la lettura.

 

Il modo in cui de Rosa presenta il libro è in sintonia con la sua opera: niente noiose dissertazioni socio-filosofiche, ma un tourbillon di sorprese, parodie, imitazioni, prese in giro, tutto giocato sul divertimento ed il coinvolgimento dell’uditorio, con la presenza maestosa del personaggio principale, sì proprio lui, il pollo!

 

Un piccolo spettacolo dunque più che una presentazione, un evento originale e divertente che stuzzica la fantasia e stimola il sorriso intelligente.

 

Renato de Rosa, matematico, autore di giochi ed esperto di politiche comunitarie vive e lavora a Carrara. Quando non è impegnato a osservare i polli, consiglia gli imprenditori, insegna creatività, gioca a bridge o ascolta le canzoni di Lucio Battisti. Ha pubblicato Il più grande calciatore del mondo (2006), secondo premio al concorso nazionale CONI-USSI per il miglior romanzo sportivo, menzione speciale al premio Fair Play.

 

evento organizzato in collaborazione con l'associazione Giri di orizzonte

torna agli eventi
avanti
indietro